Caciotto di Cirella di Platì


Formaggio tipico della regione Calabria

Il Caciotto di Cirella di Platì è un formaggio a pasta filata, preparato con latte vaccino intero crudo. Ha una caratteristica forma a pera; il peso varia da 0,3 a 1 Kg. Presenta una crosta sottile e lucida, di colore giallo paglierino. Il formaggio a media stagionatura ha un gusto dolce e burroso, mentre quello a stagionatura avanzata ha un sapore piccante. Il latte, previa filtrazione, viene messo nella caldaia e portato alla temperatura di 25–30 °C. Poi viene aggiunto il caglio in pasta di capretto per la coagulazione; con l’aiuto dello spino viene rotto il coagulo fino a ottenere granuli grandi come una nocciola e si lascia a riposo per alcuni minuti. Il coagulo viene poi raccolto manualmente e messo a spurgare su un tavolo inclinato, dove resta a maturare. La fermentazione della cagliata (da 4 a 10 ore) avviene a temperatura ambiente. Per capire se la pasta è pronta per la filatura, si immergono dei pezzetti in acqua quasi bollente (circa 85 °C) così da testarne l’elasticità. Una volta raggiunto il giusto grado di maturazione, la cagliata viene tagliata in piccole strisce che vengono inserite in un contenitore con acqua a 85 °C e agitate fin quando si raggiunge la filatura. Si lavora poi la massa, modellandola fino a ottenere la tipica forma a pera. La stagionatura, in locali freschi e ben aerati, può variare da pochi giorni a qualche mese. È prodotto da novembre a luglio nel versante del basso Ionio reggino dell’Aspromonte, in particolare nei comuni di Cirella di Platì, Ciminà e Antonimina in provincia di Reggio Calabria.

Caciotto di Cirella di Platì: tipo di latte utilizzato

Per produrre il formaggio Caciotto di Cirella di Platì viene utilizzato latte Vaccino.


Produttori di Caciotto di Cirella di Platì

Non sono presenti produttori di Caciotto di Cirella di Platì nel nostro database. Se sei un produttore e vuoi inserire qui una tua scheda contattaci a info@tipici.info


Commenti su Caciotto di Cirella di Platì