Giuncata abruzzese (Sprisciocca)


Formaggio tipico della regione Abruzzo

La Giuncata abruzzese, detta anche “Sprisciocca” è un prodotto tipico abruzzese. Nasce come formaggio fresco per autoconsumo immediato; si ottiene dalla coagulazione presamica di latte crudo con caglio bovino. È reperibile in commercio presso punti vendita e mercati rionali. Le forme hanno pezzatura variabile da 200 a 1000 grammi e presentano sulla superficie le tipiche impronte lasciate dalle fuscelle. È un formaggio di colore bianco, con una pasta tenera dal sapore dolce e delicato e dall’odore di latte fresco. La cagliata, dopo la rottura, viene trasferita in fuscelle di vimini e sottoposta a una leggera pressatura. Si può effettuare una salatura leggera. Il formaggio deve essere consumato entro 2-3 giorni. Il nome sprisciocca si riferisce al fatto che il prodotto viene consumato subito dopo la spremitura, operazione che in passato veniva effettuata all’interno di un telo di lino. I termini giuncata e giuncatella, invece, derivano dalle fuscelle fatte di giunchi intrecciati.

Giuncata abruzzese (Sprisciocca): tipo di latte utilizzato

Per produrre il formaggio Giuncata abruzzese (Sprisciocca) viene utilizzato latte Vaccino.


Produttori di Giuncata abruzzese (Sprisciocca)

Non sono presenti produttori di Giuncata abruzzese (Sprisciocca) nel nostro database. Se sei un produttore e vuoi inserire qui una tua scheda contattaci a info@tipici.info


Commenti su Giuncata abruzzese (Sprisciocca)