Caciotta del Montefeltro


Formaggio tipico della regione Marche

La Caciotta del Montefeltro è prodotta con latte vaccino a cui può essere aggiunto, in proporzioni variabili, latte ovino e/o caprino di provenienza locale. Al latte crudo appena munto si aggiunge il caglio per la coagulazione (20-30 minuti). In certi casi si procede con la semicottura della cagliata fino a 43-44°. La cagliata viene rotta manualmente o con appositi attrezzi in piccolissime particelle; si lascia a riposo per qualche minuto, poi la massa è posta in fascere e pressata con il palmo delle mani per spurgarla dal siero. Segue la salatura a secco; le forme sotto sale vengono rigirate ogni 12 ore fino ad un massimo di due giorni; poi vengono scottate per pochi minuti con del siero bollente e asciugate con un panno di cotone. La maturazione (15-20 giorni) avviene in un locale fresco ad umidità media; le forme sono lavate a giorni alterni con acqua e siero tiepido. Nell’area del Montefeltro, dove la fase di stagionatura varia da due a sei mesi, è tipico stagionare le caciotte per almeno 40 giorni in botti o cassettoni di legno, bigonce, mastelli o anfore di terracotta, conciate con foglie di noce a strati. Il formaggio si presenta in forme cilindriche a scalzo convesso, con altezza di 4-7 cm e diametro di 10-22 cm. Il peso varia da 0,7 a 2 Kg. La crosta è di color avorio scuro, con macchie brune se il formaggio è stato conciato con foglie di noce. La pasta è compatta, con rare fessurazioni e un sapore pastoso e più sapido nell’area del Montefeltro, mentre è più occhiata e con un sapore dolce acidulo nella zona del Fermano.

Caciotta del Montefeltro: tipo di latte utilizzato

Per produrre il formaggio Caciotta del Montefeltro viene utilizzato latte Misto.


Produttori di Caciotta del Montefeltro

Non sono presenti produttori di Caciotta del Montefeltro nel nostro database. Se sei un produttore e vuoi inserire qui una tua scheda contattaci a info@tipici.info


Commenti su Caciotta del Montefeltro